LOCATION

Tutti i politici, funzionari, impiegati, addetti, sindaci, questori, prefetti, diplomatici, pretori, giudici, presidenti, funzionari, onorevoli (di qualsiasi ente: Comune, Provincia, Regione, Governo, Ministero) sono per principio esclusi dagli antichi palazzi storici e nobiliari, sia per funzioni lavorative che per abitazione privata. Sono – infatti! – personale da reddito, degli stipendiati, e ovviamente i padroni non possono mettere i propri servi nei palazzi più belli. Anche per il Parlamento dovranno  quindi essere approntati moderni e funzionali palazzi in aree periferiche dotate di ampi parcheggi, e strutturate in modo che ogni ‘padrone‘ (da qui in poi cittadino per comodità di linguaggio) e ogni ‘servo‘ (da qui in poi funzionario e politico per comodità di linguaggio) possa rapidamente passare da un Ufficio all’altro e da un Palazzo all’altro senza neppure bagnarsi le scarpe se per caso fuori piove! I palazzi storici e nobiliari, finalmente liberati dai politici e dai funzionari, potranno essere utilizzati dai cittadini per migliorare la propria vita sociale e, in casi particolari, per ospitare i più meritevoli o bisognosi d’attenzioni.

Anche questa norma, per via della solita differenza, non può essere estesa alle Forze dell’Ordine.

Da che mondo è mondo, i cani da guardia stazionano vicino alle abitazioni dei padroni, e addirittura vi entrano con la forza quando intuiscono un pericolo; gli animali da reddito, invece, stazionano nelle stalle, edifici funzionali ed appositamente costruiti per il guadagno. Non è quindi un caso che per i cittadini la vicinanza di sedi operative della Forza sia sempre un valore aggiunto, mentre restano indifferenti al posizionamento degli Uffici Amministrativi. Traducendo, se i Carabinieri di una certa zona chiedono alla cittadinanza di poter occupare un certo palazzo storico, i cittadini sono liberissimi di concederlo. Se invece lo chiede un sindaco, un prefetto, un governatore, un onorevole, un primo ministro, un presidente della Repubblica, la risposta è necessariamente negativa. 

prosegui

prosegui

 

 

 

 

Condividi?