DEMOCRAZIA DIRETTA

È la naturale conclusione.

Se tutto il sistema è enormemente alleggerito, se i punti centrali dello Stato non debbono più occuparsi di fisco e mercato, se neppure sono pressati dalle contingenze perché tutti i Diparimenti e Uffici hanno quote morte per far fronte ad imprevisti propri o di colleghi,  allora al Parlamento restano solo pochi temi da discutere. In pratica, quelli etici, o relativi a situazioni assolutamente nuove. Ai padroni (da qui in poi cittadini per comodità di linguaggio) basterà quindi scaricare una App per votare assieme ai servi del Parlamento (da qui in poi politici per comodità di linguaggio) nelle poche specifiche occasioni richieste. A seconda dei casi, il voto dei cittadini potrà essere un semplice segnale o un ordine vero e proprio.

Si arriva così ad una nazione condotta come qualsiasi altra normale attività umana, dove i titolari incaricano alcuni stipendiati di gestire in loro nome la grande massa dei dipendenti, ma non gli permettono certo di prendere iniziative su questioni che si allontanino troppo dalla routine.

LUPO 2

prosegui

Nota: se il Parlamento è uno ‘stipendiato’ che rappresenta il ‘padrone’, non è possibile che alle tre di notte sia ancora impegnato, e che i deputati mandino sui social messaggini gongolanti del tipo “Stiamo ancora lavorando per voi”. A quell’ora, infatti, il “signore della villa” dorme. O fa baldoria. Ma non lavora! Il signore (o il maggiordomo rappresentante) proprio in quanto signore (o suo rappresentante), si limita a dare le disposizioni al lunedì mattina (tutti i servitori schierati) e – magari – fa il punto della situazione il giovedì sera. Un Parlamento che lavora notte e giorno è una contraddizione in termini.
Abbiamo invece un altro, di problema, che un lavoro parlamentare cento volte inferiore all’attuale verrebbe automaticamente a risolvere. I Ministeri oggi non rispondono della mancanza di creatività (!!!), degli errori (!!!), e degli imprevisti che andavano previsti (!!!). Loro sì che sono tenuti a lavorare tutto il giorno e a timbrare il cartellino. Il Parlamento è un’altra cosa, e il giorno che avremo tutti scaricato la App sul cellulare per votare, sarà chiaro a tutti il perché.