LO STATO DEVE SEMPLIFICARCI LA VITA

CALCOLI TASSE 3

Oggi i padroni (da qui in poi ‘cittadini’ per comodità di linguaggio) sono tenuti dal punto di vista fiscale a fare complicatissimi calcoli ed inserire infiniti dati nei computer. Questo perché lo Stato domanda assurdamente loro: «Quanto mi devi?». L’opera diventa così colossale, distrae i cittadini dalle loro attività, e sbagliare significa anche essere puniti. Occorre invece capovolgere il processo, formulando il quesito contrario: «Quanto vuoi?».

Se la tassazione è automatica e fissata ad un unico parametro (Iva uguale su tutti i prodotti) i cittadini sanno sempre quanto stanno pagando e quanto stanno guadagnando; hanno una vita facilissima, il Fisco scompare, e in più hanno la percezione al centesimo di quanto costi loro – giorno dopo giorno – l’intero Apparato Pubblico.

pecora

immagini

 

 

 

 

 

Condividi?